Immaginazione Rassegnazione, da che parte stare?
Stefano Boccalini
PROPOSTE

Descrizione

“Inoltre la rassegna doveva avere un tema Lavoro e lavoratori nell’arte, con la seguente puntualizzazione: si richiedeva agli artisti non tanto di illustrare i mestieri, ma di descrivere il rapporto tra lavoro e società”

Con queste parole Alberto Palvarini ci ha raccontato con quali intenzioni nasce il Premio Suzzara. Il rapporto tra lavoro e società era dunque il tema con cui gli artisti dovevano confrontarsi  attraverso le loro opere, e proprio questo tema è diventato il punto di partenza da cui nasce il mio progetto per il cinquantesimo anniversario del Premio Suzzara.
È chiaro che oggi il contesto sociale è completamente cambiato rispetto al passato, e che a causa dell’innovazione tecnologica il lavoro sta progressivamente diminuendo, ma è anche vero che molte forme di lavoro non vengono retribuite. 
In una recente intervista l’economista e scrittore Christian Marazzi dice: “Dal cliente-costruttore di Ikea, al cliente-cassiere dei supermercati, all’utente produttore di Google, vi è un’ingente mole di lavoro gratuito la cui produttività non è mai stata misurata né riconosciuta.”
È chiaro che se le condizioni rimangono queste dobbiamo cominciare a parlare di reddito garantito, ma non solamente a partire dal discorso sulla ridistribuzione, ma anche sul riconoscimento economico del lavoro che oggi è gratuito.

Ma se il lavoro, nelle forme in cui lo conosciamo, sta progressivamente diminuendo, è anche vero che dobbiamo fare uno sforzo per immaginare nuovi scenari. Il confronto tra capitale e lavoro, col passaggio dalla fabbrica fordista alla fabbrica linguistica, si è spostato su un altro terreno, quello del linguaggio. La parola è diventata un vero e proprio strumento di produzione e di captazione di valore ed ha assunto, col trascorrere degli anni, una dimensione sempre più importante. Allora nel mio lavoro le parole diventano protagoniste e attraverso la fisicità con cui le metto in scena risultano dei veri e propri dispositivi di comunicazione in continuo dialogo con i luoghi che le accolgono. Sono dei momenti di riflessione su tematiche che riguardano tutti, a partire da quelli che consideriamo “i beni del comune”.

Per Suzzara ho deciso di realizzare due parole in acciaio inossidabile dell’altezza di un metro e lunghe circa 4/5 metri l’una con una profondità di 25 centimetri. Le parole che ho scelto sono IMMAGINAZIONE e RASSEGNAZIONE. 

Immaginare in questo caso vuol dire ripensare dalle fondamenta ai modelli di sviluppo che fin qui ci hanno accompagnato, rassegnarsi vuole dire arrendersi e accettare tutto quello che ci sta intorno. Installate una accanto all’atra, queste due parole, diventano per me  una piattaforma sulla quale muoverci e dove possiamo, e dobbiamo, scegliere da che parte stare.

Pubblico - Sostenibilità - Ambiente


Electro-noise Live at Teatro Guido, Una performance live, un disco in vinile e un libro
Untitled Noise
PROPOSTE
L'arte delle piante, un luogo d’incontro ideale
Eterotopia
IN CORSO DI REALIZZAZIONE

Un giardino con diverse essenze per una funzione ecologica-ambientale ed estetica-culturale

Macchina distributrice di opere d'arte, Opere d'arte in un distributore automatico a prezzi popolari
Grazzi + Borroni
PROPOSTE
Misuratore d'incertezza, preciso quando dà risultati incerti
Silvia Hell
IN CORSO DI REALIZZAZIONE
Vuoto a rendere, uno spazio libero, riempito dall’uomo, con diversi significati
Giuseppe Buffoli
PROPOSTE
Palafritta, Un richiamo alla natura partendo dalla geometria dell'artefatto semilavorato
Tiziano Campi
IN CORSO DI REALIZZAZIONE
Conchiglia, un’opera multimediale che parla della poesia della diversità e dell’unione
Diana Dorizzi
PROPOSTE

Un’opera multimediale, relazionale, plastica e sonora

Il dolce del Premio, una "nuova tradizione"?
Giancarlo Norese
IN CORSO DI REALIZZAZIONE

Una nuova tradizione? Il dolce del Premio

Spaziare, come cambiare gli equilibri architettonici con la pittura
Sergio Breviario
PROPOSTE
Storie, entrare in comunicazione con gli altri è una questione di fiducia
Carla Della Beffa
PROPOSTE

Storie  è un progetto sul lato umano delle cose, per raccontare le aziende partendo dalle persone e dalle idee.

Manto mutante, un nuovo canale di comunicazione tra le differenze
Al Fadhil
PROPOSTE
Procedimento esploso, 2018
Diego Soldà
PROPOSTE
Respirodunquesono, 2018
Ermanno Cristini
PROPOSTE
LLALLALLALL, il museo sulla città / L'arte sulla città
Roberto Remi
PROPOSTE
Erratico, "Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l’ha già inventata"
Umberto Cavenago
PROPOSTE
Micro/Macro, un corto circuito mentale che illumina le menti e suscita sorpresa e rivelazione
Microcollection / Elisa Bollazzi
PROPOSTE

Il contrasto tra le proporzioni micro e macro genera nel fruitore un corto circuito mentale che illumina le menti e suscita sorpresa e rivelazione

Tracciatore di orizzonte multicoeso, i tanti orizzonti che compongono un’impresa
Ermanno Cristini
PROPOSTE
Da una parola, come punto di partenza, come base  per uno scambio fra il CSIA di Lugano e la Scuola di Arti e Mestieri di Suzzara
Susanna Baumgartner
IN CORSO DI REALIZZAZIONE

Chaise Longue

Ritrattativa, un corso di formazione sul ritratto contemporaneo in orario di lavoro
Chiara Pergola
PROPOSTE
Ut pictura poesis, realizzare un quadro equivale a scrivere in modo poetico
Nataly Maier
PROPOSTE
LILLO LILLO, scultura per rotonda cittadina
Sabrina D'Alessandro
PROPOSTE
Launch Map, 2018
Silvia Hell
PROPOSTE

Una mappa tridimensionale dell’esplorazione spaziale