• Home
  • Login
  • Area Artista
  • Galleria del Premio Suzzara
  • Facebook
  • Instagram
  • Youtube
  • Progetto realizzato da Paxxion


    Descrizione

    Questa proposta non riguarda una o più aziende specifiche, ma in generale le parole chiave (e dunque i concetti) che le descrivono. L’idea è quella di portare queste parole (sviscerate e anche, potendo, ribaltate) fuori dalle aziende, per diffonderle poi sul territorio. Le parole saranno esposte non solo sui muri esterni delle aziende, ma anche in giro per la città di Suzzara, occupando cartelli pubblicitari e tutti gli spazi che il comune potrà concedere.



    La maggior parte delle aziende partecipanti al progetto lavorano anche con l’estero e sebbene la cosa non sia percepita, rendono Suzzara una città internazionale. Il progetto si propone di evidenziare anche questo aspetto. Le parole chiave elencate nella chiamata alle arti potranno dunque anche essere tradotte in varie lingue, in primis nelle lingue dei paesi con cui le imprese collaborano (inglese, tedesco, cinese), ma anche in italiano antico, in dialetto suzzarese e in altre lingue più... distanti (hawaiano, maori, esperanto?)

    Ufficio Resurrezione Archivio IX.
    "Parole al balcone", installazione nella piazza principale della città.
    "Parole suzzaresi", parata del Dipartimento Rinascita Psicovocale con declamazione di parole "utilissime alla vita a Suzzara".


    Realizzazione

    Grazie alla collaborazione degli abitanti Sabrina D'Alessandro ha allestito una mostra di “parole suzzaresi” su finestre e balconi della piazza cittadina: parole dell’arte, dell’industria e del dialetto locale, ma anche di lingue lontane, a rappresentare i tanti lavoratori che da tutto il mondo sono venuti a vivere sul territorio.  Queste parole, scelte e posizionate secondo sonorità e forza espressiva, hanno operato mescolamenti, innescato cortocircuiti, creato scherzi e domande, diventando occasione di relazione e di discussione fra gli abitanti.
    Il lavoro si è concluso con un’azione poetica, una “parata ordinaria dell’Ufficio Resurrezione” per la quale Sabrina D'Alessandro ha coinvolto la banda di Gonzaga nel ruolo di “Dipartimento Rinascita Psicovocale”. Il Dipartimento ha portato per le via della città le “parole suzzaresi” già esposte sui balconi della piazza, declamandole a gran voce e scandendole a tempo di marcia.  I luoghi attraversati dalla parata e ripresi dal video che documenta l’azione (girato sempre da Sabrina D’Alessandro e prodotto anch’esso da Paxxion s.r.l.) esprimono quello che per l’autrice è il genius loci di Suzzara, uno spirito che vive nel contrasto tra l’operosità delle attività produttive e l’atmosfera sospesa di campagne e vie cittadine, spesso deserte e immerse nel silenzio (“Suzzara operosa e fannònnola insieme”). 


    Dove si trova

    L'evento si è svolto il 7 ottobre 2018 a Suzzara in occasione del 50esimo Premio Suzzara.