• Home
  • Login
  • Area Artista
  • Galleria del Premio Suzzara
  • Facebook
  • Instagram
  • Youtube
  • Attenzione! questo progetto é in produzione


    Descrizione

    Attrattore Strano è un’operazione di fusione di scultura e fotografia, scaturita dall’attrazione nei confronti di materiale semilavorato in uno stato di stand-by, in attesa di una collocazione e trasformazione.
    Attrattore Strano ()
    si compone di una fotografia e una scultura, l’una generatrice dell’altra.



    Dall’osservazione della fotografia nasce sia la scelta dei materiali che andranno a formare la scultura che la loro particolare lavorazione.
    I rapporti interni alla fotografia, tra gli oggetti e l’ambiente, definiscono i rapporti della scultura. L’inclinazione di un oggetto, le differenti tonalità della ruggine, la geometria tra figura e sfondo, le rispettive posizioni degli elementi, diventano l’oggetto della modellazione delle forme scultoree. Le misure, le inclinazioni dei tagli, le fresature, le forature, le torniture sono il risultato di rapporti presenti nella fotografia operati sugli oggetti scelti dalla stessa.
    Una volta prelevato, il materiale sarà lavorato in parte, secondo i rapporti descritti prima, e in parte conserverà il suo stato originario, documentato in fotografia, rimanendo inalterato; ad esempio le fresature su uno dei tre elementi riprendono a modo di stampo la ringhiera, lo spessore in un altro è in rapporto con lo spessore della lamiera a terra, la scritta con il gesso e alcune parti ossidate restano visibili... Ogni azione operata sui materiali è in rapporto con lo scatto fotografico, con l’impressione di quel luogo in quel momento.